La bellezza del giornalismo, secondo me

A volte, raramente, ti sorprende la bellezza del giornalismo. Ti piomba addosso così, improvvisa, quando meno te l’aspetti. Anche perché un limpido motivo per cui essere felice di essere giornalista non arriva tutti i giorni. Arriva molto di rado. Il resto dei giorni in genere ti chiedi quale forza, quale ragione, quale spinta mai ti porti a scegliere di essere giornalista anche oggi; ti chiedi perché ostinarti anche oggi a raccontare, e a pagare il prezzo di farlo liberamente.

E poi arriva quel giorno, quel momento, breve ma che arriva prima o poi. Arriva quella stretta di mano, arrivano quelle parole. Improvvise. E allora cerchi di capire se sono sincere, se stranamente non esistano soltanto per adularti, per aggiungere un po’ di zucchero al solito amaro del tuo articolo.

Se lo sono, se negli occhi di chi le pronuncia c’è acqua chiara, stai lì ad assorbirle come fossi una spugna, con la sorpresa di una bambina quando la mamma torna a casa con un regalo. Con l’incredulità di chi si accorge che quelle sue frasi scritte al computer, buttate giù in un luogo suo, con intorno le sue cose personali, quelle frasi lette, rilette, elaborate, pensate, meditate, partorite e plasmate in privato, il giorno dopo, una volta stampate sulla pagina di un giornale, smettono di essere solamente sue. Con lo stupore di chi realizza che tra mille altre parole, anche le sue arriveranno altrove, davanti agli occhi di altri.

Così capisci che, oltre a tutti quelli che leggono il tuo articolo distrattamente, giusto per dare un sottofondo al caffé e alle chiacchiere con gli amici, a tutti quelli che lo leggono solo per tenersi informati ma senza capirlo o volerlo capire, c’è chi lo fa invece con l’attenzione che merita il lavoro. E che pensa che questo sì che è un buon articolo, che gli piaci tu, giornalista, che gli piace come scrivi, e che apprezza. E, tra questi, c’è chi poi te lo fa sapere. Ed è questa, per me, la bellezza del giornalismo. Questo il motivo per il quale vale la pena fare buon giornalismo. Il migliore che si può. Fosse anche per due soli occhi di lettore.

Annunci

Tag:

25 Risposte to “La bellezza del giornalismo, secondo me”

  1. ghostdog Says:

    L’evento ti deve aver emozionato oltre ogni limite. E’ la prima volta, a mia memoria, in cui ho trovato refusi in un tuo post (di questo blog) :p

  2. mariafrancescacalvano Says:

    È che ho scritto di getto. Poi ho riletto e gradualmente corretto. Peccato che altrettanto di getto avevo pubblicato :p Mi pare che adesso sia corretto, o no?

  3. ghostdog Says:

    “..a tutti quelli che lo leggono solo per tenersi informato ma senza capirlo o volerlo capire,..”

  4. mariafrancescacalvano Says:

    Emh emh :D

  5. Colletto bianco Says:

    A volte, raramente, accade. Anche ad un lettore scafato come il sottoscritto, di sobbalzare, di restare senza fiato. A volte, raramente per fortuna, accade. Che l’avanzare degli anni non permette troppe concessioni all’accelerazione del battito cardiaco. Signorina, questo pezzo, per contenuti e forma, è in assoluto … il più brutto e deludente che io abbia mai letto! Mi chiedo se dopo ore che l’ha scritto si renda conto di ciò che ha detto: “Ed è questa, per me, la bellezza del giornalismo. Questo il motivo per il quale vale la pena fare buon giornalismo. Il migliore che si può. Fosse anche per due soli occhi di lettore.”. La scongiuro, lo rilegga e poi si fermi e lo rilegga di nuovo. Non in cerca dei refusi, che l’altro lettore, attendo come un diligente prof. di liceo l’ha sollecitata a correggere..(ahimè ve ne sono altri.., pazienza..), ma nel significato di ciò che scrive. Lei è troppo concentrata su se stessa. Lei mi pare la studentessa che aspira alla gratificazione scolastica. Ma si rende conto che ha scritto che il motivo per fare buon giornalismo è la stretta di mano!?!? Sono esterrefatto. Deluso ed amareggiato. Venendo qua stamattina pensavo di trovare un suo articolo sugli eventi mondiali, sugli eventi italiani… non è che manchino le notizie… E che trovo? Lei che usa il blog come una chat per inutili e dispersive scaramucce. il gentile ghost che le suggerisce un argomento (come si fa a scuola…) da trattare perché lei dice di aver bisogno di stimoli… Mi chiedo, visto che non ha scritto nulla di che stimoli stesse parlando… e non voglio nemmeno saperlo, perché sono infastidito da questo giocare sull’attenzione altrui. Ora come ora, a meno che le cose non cambino radicalmente, posso quasi con certezza dire che chi ha scritto questo pezzo NON PUO aver scritto le pagine che lessi n passato e che così tanto me l’avevano fatta apprezzare. E’ evidente che Lei non era Lei. Oppure è lentamente impazzita. e qui ha toccato il fondo.

  6. mariafrancescacalvano Says:

    Caro Colletto bianco, sono sicura che la colpa è mia: non mi sono spiegata. Ma preciso che il senso non era bellezza uguale stretta di mano. Il senso era che vale la pena cercare di fare il migliore giornalismo possibile anche se indirizzato ad un solo lettore. Non si tratta quindi di concentrarsi su se stessi, ma sul lettore. Non vedo dove sia lo scandalo. Che poi il post per lei non sia scritto bene, potrei anche confermare, visto che l’ho scritto di getto. Per quanto riguarda poi l’argomento, questo blog non è nato come spazio di commento degli eventi mondiali, e le ho detto che almeno per ora non troverà questo tipo di contenuti.

  7. ghostdog Says:

    “..che l’altro lettore, attendo come un diligente prof. di liceo l’ha sollecitata a correggere..” Firmato: l’attenTo e diligente prof. di liceo :p

  8. ghostdog Says:

    @ Colletto Bianco: l’ironia e il suggerimento, alias stimolo, (che hanno il vantaggio, rispetto al “compito a casa”, di poter non essere colti) fanno certo meno parte del bagaglio del docente, se non altro nell’immaginario collettivo, delle bacchettate sulle dita. E, tutto sommato, forse sono anche piu’ efficaci ;)

  9. Colletto bianco Says:

    Gost: lei va di carota, io di bastone… al momento ben poca strada però è stata fatta. E mi creda… io sono dispiaciuto almeno quanto Lei. Se non altro perché avevo creduto in un “miracolo!” … ahimé, non ci siamo. Nonostante io abbia disseminato il mio intervento di frasi e concetti che avrebbero ridato la parola ad un muto, che leggo?… Che La signorina s’è sbagliata, che ha scritto quella confessione da serata ad “Amici” di Maria De Filippi sull’onda emotiva (come Lei giustamente ed ironicamente le ha fatto notare…) e che finalmente sappiamo per certo che qui non verranno mai trattate questioni di carattere mondiale. Speriamo in quelle nazionali… Ci accontenteremmo di leggere quello che Mariafrancesca pensa veramente. Una SUA analisi critica su eventi concreti, e non la mera enunciazione degli stessi. E basta lamentarsi sulle condizioni del giornalista. Per farlo ci vogliono le credenziali… (grazie della correzione refusi …)

  10. ghostdog Says:

    Condivido le sue osservazioni riguardo questo post, Colletto.. ma mi chiedo: se il mio scopo e’ di esortare una voce incerta a schiarirsi, e’ utile che la ammonisca alzando la mia? In giovane eta’ e confinati in piccole realta’ conchiuse (una generazione, un’epoca, un paesino, una parrocchia, un partito, una mentalita’, non fa gran differenza), e’ capitato a parecchi di commettere peccato di vanita’ e di cadere nell’insidiosa trappola dell’autocelebrazione. Magari e’ capitato anche a me, chissa’.. Non saro’ quindi certo io a scagliare la prima pietra, oggi.

  11. mariafrancescacalvano Says:

    Ribadisco che al centro di questo post è l’idea che il giornalista debba sempre sforzarsi di fare del proprio meglio, non per se stesso, per dirsi quanto è bravo, ma perché esiste quel lettore che si aspetta tanto da lui. Tutto qui. Può essere un post di natura personale, scritto di getto, e allora? Pur sempre di giornalismo si parla. Il mio vuole essere un messaggio positivo, un monito all’impegno costante che rivolgo a me stessa e a tutti quelli che, come me, possono dimenticare che è un dovere continuo quello di fare del proprio meglio e di migliorarsi sempre. E i vostri commenti mi esortano infine a seguire questa strada, viste le aspettative.

  12. Colletto bianco Says:

    Gost, il problema NON E’ l’autocelebrazione o il peccato di vanità. Io la reputo attento ed acuto lettore. Non può esserle sfuggito il VERO senso delle mie osservazioni. Apprezzo il suo tentativo di spostare l’attenzione su questo punto marginale. Mi permetta però di nutrire dubbi sull’utilità dell’operazione. La prova? Rilegga il commento ultimo dell’Autrice… Gli unici che affrontano veramente il problema siamo noi due. E francamente non so più a che prò. Sempre lieto di leggerLa.

  13. ghostdog Says:

    Non mi e’ affatto sfuggito il punto, ha ragione. Ma mi fa torto quando ritiene che il mio ragionar di vanita’ sia un mero tentativo di spostare l’attenzione. Semplicemente la mia lettura della situazione e’ diversa. Sono quasi certo, e il post incriminato me ne ha dato conferma, che l’autrice stia affrontando un periodo di acuta insicurezza, tanto esteriormente negata quanto insidiosamente provata, in particolare riguardo il proprio talento. E, come ben sappiamo tutti, nulla al mondo mina le proprie capacita’ (grandi o piccole che siano) piu’ dell’insicurezza in esse.

  14. ghostdog Says:

    E tanto per non smentirmi:
    http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/topnews/news/2008-04-07_107197772.html
    http://www.adnkronos.com/IGN/Cronaca/?id=1.0.2049143314
    http://www.repubblica.it/2005/b/rubriche/glialtrinoi/carta-di-roma/carta-di-roma.html
    http://www.cestim.it/34giornalismo-interculturale.htm

  15. ghostdog Says:

    ..e questo per avere un obiettivo “fisico”, un traguardo “reale”:
    http://www.barbielliniamidei.it/Premio/en/bando/index.html
    Ti sto “stimolando” abbastanza, che dici? :p

  16. ghostdog Says:

    Toc, toc.. C’e’ nessuno in casa? :)
    http://www.repubblica.it/2008/02/sezioni/esteri/putin-discorso-tv/putin-vita-privata/putin-vita-privata.html

  17. mariafrancescacalvano Says:

    Eccomi! Scusa, ma coprire le elezioni significa abbandonare tutto il resto! Ho letto ieri del gesto di Berlusconi.. non si smentisce mai. Personalmente mi sono venuti i brividi, non solo per il gesto in sé, ma per quanto succede sistematicamente in Russia. Come può essere che un capo di governo si comporti così è un interrogativo insolubile..

  18. ghostdog Says:

    20 giornalisti ammazzati ogni anno da dieci anni.. E per giunta, niente colpevoli. Questo mi ha impressionato assai piu’ del gesto di pessimo gusto (ma il cattivo gusto e’ come il doppiopetto, per lui: un classico) di Berlusconi. Ciao :)

  19. mariafrancescacalvano Says:

    Già :( ..e niente colpevoli :( Com’è possibile?!

  20. ghostdog Says:

    Sicuramente parecchi di quei 200 sono stati uccisi anche per aver tentato di dare una risposta a questa tua domanda ;)

  21. ghostdog Says:

    http://www.corriere.it/esteri/08_aprile_22/giornale_anti_putin_mette_testa_a_posto_53cf2a26-102f-11dd-8bce-00144f486ba6.shtml

  22. Alberto Says:

    Le dieci pratiche che sconvolsero il mondo. Dei giornali

    Ti segnalo questo post di approfondimento sul mio blog…

  23. Ernesto Simon Says:

    Le critiche in parte condivisibili di colletto bianco possono essere intese come un sprone a mantenere alta la guardia quando si pubblica un post. Scripta manent. …. in ogni caso si critica solo chi ha suscitato il nostro interesse !!

  24. Daniele Fedele Says:

    Io ho compreso appieno il senso di questo post. E vale proprio la pena di fare buon giornalismo come lo sa fare Maria Francesca.

  25. ghostdog Says:

    Ahinoi, caro Daniele, le chiediamo venia (mi permetto di parlare a nome anche dell’amico Colletto) disattenti (e forse peggio) lettori, colpevoli di non aver “appieno” compreso. E le rendiamo grazie di averci aperta la strada che porta alla luce del Fedele superiore intendimento. Ella c’illumini, scortandoci senza tema, verso il vero e autentico senso ultimo delle cose. Ontologicamente suo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: