Emeroteca – L’eccezione è la regola

di GIUSEPPE D’AVANZO

Berlusconi è intenzionato a dimostrare che – per governare la crisi italiana, come vuole che noi l’immaginiamo – è costretto per necessità a separare lo Stato dal diritto, la decisione dalla legge, l’ordine giuridico dalla vita. Come se il Paese attraversasse una terra di nessuno. Così critica, oscura e sinistra da rendere urgente e senza alternative un potere di regolamentazione così esteso da modificare e abrogare con decreti le leggi in vigore.

Con il “decreto sicurezza” (alla voce immigrati) e con il “decreto Napoli”, è stato chiaro che Berlusconi intende muoversi in uno “stato di eccezione”. Ha deciso di esercitare il suo potere secondo una tecnica che gli impone di creare – volontariamente e in modo artefatto – una necessità dopo l’altra, giorno dopo giorno, quale che siano le priorità più autentiche e dolorose del Paese. Nonostante quel che si può pensare, infatti, la necessità non è una situazione oggettiva, implica soltanto un giudizio o una valutazione personale. In fondo, sono straordinarie e urgenti soltanto le circostanze definite tali: quel che, come tali, definisce il Cavaliere.

Il quinto consiglio dei Ministri del Berlusconi IV ha dichiarato l’assoluta necessità di ridimensionare l’azione dei giudici; di limitare il diritto di cronaca; di declinare le ragioni dello Stato con l’esibizione, la forza, le armi dell’Esercito. E’ finora il caso più emblematico ed esplicito di quel che abbiamo definito la “militarizzazione della politica”. Non è mai avvenuto in Italia che i soldati fossero chiamati a far fronte all’ordine pubblico o al controllo delle città. Nemmeno nei terribili mesi che seguirono alla morte di Falcone e Borsellino, all’aperta sfida lanciata contro lo Stato dalla Cosa Nostra di Totò Riina. In quell’occasione, l’Esercito si limitò a proteggere, con “posti fissi”, gli edifici pubblici e i luoghi “sensibili” liberando dall’impegno non investigativo le forze di polizia. La decisione del governo di “parificare” 2.500 soldati “agli agenti di pubblica sicurezza” con “compiti di pattugliamento e perlustrazione” delle città inaugura una nuova, inedita stagione. Evocando ragioni (necessità) di “ordine pubblico” e “sicurezza” avvicina, sovrappone il diritto alla violenza. Assegnata all’Esercito, altera il suo segno la funzione amministrativa della polizia, chiamata a rendere esecutivo il diritto. Quella funzione e presenza si fa intimidazione. Non solo per chi trasgredisce, ma per tutti coloro che non credono “democratico” che il governo sostenga le sue decisioni con la violenza.

Nello slittamento del legittimo esercizio del potere verso un arbitrario diritto della forza, come non avvertire il rischio che chiunque dissenta sia considerato un “criminale” perché avversario di una “decisione assoluta” che sola può assicurare la “governabilità” e l’uscita dalla crisi? Non è questa l’idea politica, il paradigma di governo, addirittura il fondo sublogico che consiglia a Berlusconi di intervenire anche contro la magistratura limitando l’uso delle intercettazioni o contro l’informazione, promettendo il carcere a chi pubblica il testo o il riassunto di “un ascolto”?

Magistratura e informazione, i due ordini che, in un’equilibrata architettura di checks and balances, sono le istituzioni di controllo dei poteri, diventano in questo quadro i pericolosi agenti attivi e degenerati del declino da affrontare. “Nemici”, perché impediscono al sovrano di governare, perché sorvegliano le sue decisioni e quella vigilanza è un ostacolo che crea uno status necessitatis, l’urgenza di un provvedimento legislativo che Berlusconi avrebbe voluto con immediata forza di legge. E’ stato costretto a una marcia indietro dal capo dello Stato e, dalla Lega, a una correzione che autorizza le intercettazioni anche per i reati contro la pubblica amministrazione. Ma il disegno di legge, se non sarà corretto in Parlamento, dissemina l’iter investigativo e la sua efficacia di intralci, intoppi, legacci, esclusioni, vuoti, bizzarri obblighi (se l’indagato è un vescovo bisognerà avvertire il segretario di Stato vaticano, cioè il ministro di un altro Stato).

Sono ostacoli che salvaguardano le pratiche più spregiudicate dei colletti bianchi, rendono più fragile la sicurezza dei più deboli, senza proteggere davvero alcuna privacy. I corifei del sovrano diffondono numeri farlocchi sul passato, mai spiegano perché non chiudono le falle nella rete dei gestori di telefonia, venute alle luce con l’affare Telecom. Né svelano all’opinione pubblica come e se daranno mai conto dell’uso delle “intercettazioni preventive” che oggi, al di fuori del processo penale e di ogni tipo di controllo giurisdizionale, possono essere effettuate dalle polizie e, dal 2005, anche dai servizi segreti su delega del presidente del Consiglio con l’autorizzazione del procuratore presso la Corte d’Appello.

Non è la privacy del cittadino che interessa a Berlusconi. Gli interessa soltanto la sua privacy e la sua immagine, l’annullamento di un paio di conversazioni con Agostino Saccà, l’oblio di altre in cui di lui si parla. Intende creare una sorta di “diritto positivo della crisi” che impone al giudice di che cosa occuparsi in ossequio alla funzionalità della decisione politica, presentata come necessaria e univoca. Vuole giornalisti silenziosi, intimiditi dalla minaccia del carcere. Vuole editori spaventati dalle possibili, gravi penitenze economiche.

Il soldato come questurino, il giudice come chierico, il giornalista come laudatore sono le tre figure di una scena politica che minaccia di trasformare radicalmente la struttura e il senso della nostra forma costituzionale. Sono i fantasmi di un tempo sospeso dove il governo avrà più potere e il cittadino meno diritti, meno sicurezza, meno garanzie.

(14 giugno 2008)

da Repubblica

Annunci

4 Risposte to “Emeroteca – L’eccezione è la regola”

  1. ghostdog Says:

    A parte i dovuti distinguo tra un provvedimento e l’altro, certo un “set” decretativo cosi’ concepito e’ inquietante assai. Ma altro non era lecito attendersi, da un governo come questo. Questo e’ cio’ che la maggioranza degli italiani chiede, e questo Berlusconi offre. Semplicemente essi sbagliano, tutto qui. E’ gia’ successo in passato e i risultati sono stati quasi sempre devastanti. Resta da dire, a parziale loro discolpa, che l’alternativa era veramente scoraggiante.

  2. mauchi Says:

    In merito alle intercettazioni sono piuttosto scettico che la maggioranza degli italiani, che per altro ha votato Berlusconi, sia daccordo sul provvedimento.

  3. ghostdog Says:

    @ Mauchi:
    Berlusconi ha ampiamente annunciato questi provvedimenti in campagna elettorale, piu’ e piu’ volte. E i sondaggi lo danno in piena ascesa anche ora. Direi che il suo scetticismo cozza contro la realta’. E non sara’ certo la realta’ a sgretolarsi nell’impatto.

  4. Alberto Says:

    La cosa davvero devastante, in questo Paese, è che le leggi esistono e già da tempo. Regolamentiamo praticamente tutto, e tanto, così tanto da avere creato un ministero alla delegificazione. Perciò, la maggior parte delle leggi e dei decreti che questo governo sta varando non servono a niente, più o meno. Questo è il dramma: è già tutto scritto, ma non si fanno i controlli, non si comminano le sanzioni, cioè non si è capaci di essere davvero Stato. E allora, la cosa che si ritiene meglio fare è varare leggi che, puntualmente, non si faranno rispettare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: