Archive for the ‘contributi’ Category

Giornalismo con passione

1 marzo 2008

di Rocco Sicoli

Quello che non si doveva dire… una banda bianca a coprire la bocca di Biagi: questa è la copertina del suo ultimo libro (edito da Rizzoli), mentre sulla quarta dominano le parole dell’articolo tre della Costituzione.
enzo biagi - quello che non si doveva dire - rizzoli

Molti, forse troppi, giornalisti oggi pensano che fare informazione sia un’austera sintesi di dati, informazioni, posizioni e razionalità. Pochi intendono la notizia come un atto di ricerca, interiorizzazione e passione verso fatti e lettori. La passione è forse la dote che più manca a gran parte dei giornalisti che oggigiorno vediamo in TV e leggiamo su quotidiani e siti di informazione. Persone conformiste, per lo più, con scarse idee e soprattutto poca voglia di scavare alla ricerca della verità, con il rischio di venire sfrattati. È un male orribile, quasi quanto la mancanza di rispetto verso i lettori/utenti: si bada poco alla sostanza e ancora meno alla forma in nome della passione per i soldi, per il potere, per il successo, per il clamore, per la rivincita, per la politica e per la semplificazione, che non significa mai semplicità e comprensibilità del linguaggio (e per linguaggio, inutile dirlo oggi si intendono parole, grafica ed immagini).

Tutto ciò in nome del rischio zero e di quella che viene fatta passare come una sempre più fervente ricerca della verità oggettiva e razionale, che si tramuta spesso in soggettivismi fin troppo espliciti anche per la gente di strada. Basterebbe la passione che ha portato uomini di 90 anni così diversi come Montanelli e Biagi a rischiare in nome della verità e del bene dei propri lettori.

Due uomini che, seppur con posizioni diametralmente opposte, hanno sempre parlato con la passione che non può generare disonestà, ma solo qualche sprazzo di oggettiva parzialità. Non si può essere giornalisti, ma anche tesserati politici; non si può essere cronisti, ma anche “amici”; non si può essere fidati consiglieri del popolo italiano, ma anche futuri portavoce di quel partito o di quel politico.

Francamente, manca la passione e il rispetto di se stessi, forse ha ragione Biagi quando fa trasparire quella sofferenza che lo ha forgiato interiormente e gli ha consentito di credere in se stesso, nelle proprie idee e capacità, così da non cedere mai alle lusinghe di politici e facoltosi editori e di restare un amico per tutti i suoi lettori; un fido consigliere in grado non di dare opinioni, ma di raccontare i fatti con straordinaria chiarezza e passione per la verità, così che chiunque fosse dall’altra parte potesse formare una propria personale opinione.

Tutti noi che scriviamo, sono certo, dovremmo farlo solo se è una passione, una necessità, un’esigenza e soprattutto se guardando negli occhi i nostri lettori possiamo intravedere una sana soddisfazione, perché la nostra cronaca ricalca effettivamente la realtà ed è stata esposta dopo un’attenta “cura” interiore che ha eliminato fronzoli e dubbi. Forse è proprio questo quello che non si deve dire di un bravo giornalista… ma pensateci bene: quali sono i nomi che non hanno mostrato tutta la loro passionalità per il proprio lavoro (dal giornalismo all’arte, alla politica, all’industria) e che ancora ricordiamo? Biagi, Agnelli, De Gasperi, Pertini, Fortugno, Calipari, Matteotti, Italo Balbo, Senna, De André… Uomini tutti, tutti diversi, tutti con una cosa in comune, la passione per ciò che facevano e la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità.

Il giornalista più di ogni altro dovrebbe assomigliare ad una Lupa dantesca, cupido di verità e capace di evitare con la sua forma snella ogni “sirena”, in modo da rappresentare un sano vigilante per la realtà.

» fonte immagine

Annunci

I giornali dei filantropi

28 febbraio 2008

di Alberto Abenante
macchina da scrivere - giornalismo

I giornali italiani pubblicano poche notizie circa la loro salute. Certo, quando l’Audipress fa circolare i suoi resoconti, tutti corrono a mettere on line il risultato (e come spesso accade non c’è nessuno sconfitto). Chi poco, chi tanto tutti hanno guadagnato copie (loro amano dire lettori, ma è un’altra cosa).

In America, invece, la situazione è differente.

Tanto per dirne una, non si nascondono le difficoltà in cui versano i vecchi media (i giornali, of course). Il New York Times metterà alla porta un centinaio di giornalisti (è il costo del lavoro, baby) e lo stesso farà il Los Angeles Times.

Come uscire fuori dalla crisi? A questa domanda, sia qui da noi, sia oltreoceano, la risposta è simile: tagliamo il numero dei giornalisti (noi un po’ più provinciali, aggiungiamo anche che sarebbe il caso di eliminare l’Ordine).

Insomma, risposte brillanti e soluzioni di qualità non se ne vedono.

Tranne una, forse.

Succede che una coppia di filantropi miliardari (Herb e Marion Sandler) due anni fa chiamano il direttore del Wall Street Journal (Paul Steiger) e gli chiedono se ha voglia di lasciare la poltrona che ha per fondare un’agenzia (Pro Publica) che avrebbe ricevuto 10 milioni di dollari l’anno per finanziare attività giornalistiche investigative, di quelle serie. Siccome gli americani sono tipi pragmatici, l’operazione è andata in porto in meno di anno. Potenza dei soldi, certo. Ma pure di qualche buona idea.

Steiger imbarca nell’avventura Stephen Engleberg, ex capo settore inchieste del New York Times ed entro giugno di quest’anno l’avventura prenderà forma. Si tratterà di realizzare inchieste giornalistiche senza guardare in faccia nessuno (come si dovrebbe fare) e poi passarle gratis a quei giornali che non le hanno potute effettuare (paradossi moderni, gente), per mancanza di coraggio, di soldi, di autonomia e di bravi giornalisti.

Perciò, forse ci salverà il giornalismo no profit: sempre negli Stati Uniti stanno proliferando i giornali e le iniziative editoriali interamente sostenute da donazioni private.

Insomma, per fare una buona inchiesta giornalistica non c’è bisogno di farsi assumere da un giornale. Basta trovare un Paperon de’ Paperoni. Meno tirchio, ovvio.

Fonti
L’Espresso, http://propublica.org

Nota:
Ringraziando Alberto per questo contributo che arricchisce SJ e risponde allo spirito di collaborazione col quale è nato, invito chiunque voglia partecipare a questo progetto a proporre articoli e spunti di discussione, naturalmente in linea con i temi di questo blog. Grazie!

» fonte immagine